Grande successo al festival romano

Grande successo per SconfinataMente, l’edizione in veste «romana» del festival delle Scienze. Si chiude domani con una inaspettata partecipazione di adulti e ragazzi: all’Auditorium Parco della Musica di Roma, ogni giorno, sono transitate dalle 8mila alle diecimila persone, coinvolte da conferenze che, stimolando la curiosità e la voglia di conoscenza del pubblico, si sono sviluppate in dibattiti accesi e capaci di proseguire senza stanchezza per oltre tre ore intorno ai temi della mente: dal linguaggio alla coscienza, dalla percezione del colore e della musica alle sue origini evoluzionistiche. L’interesse degli adulti si è rivelato entusiasmo nei bambini che, nelle mattinate affollavano l’Auditorium trasformato in un mirabilante Parco delle Scienze. L’appuntamento ha visto susseguirsi un ciclo di conferenze pomeridiane con i più grandi nomi delle neuroscienze, filosofia, psicologia e linguistica in Italia e nel mondo per affrontare il tema dei confini della mente. Una serie di appuntamenti di altissimo livello scientifico che hanno avvicinato il grande pubblico al dibattito contemporaneo sulla natura della mente e delle funzioni cognitive e lo hanno coinvolto nella discussione degli elementi più critici legati alle nuove scoperte e alle nuove prospettive aperte dalle discipline coinvolte. Con stimoli e suggestioni provenienti dal mondo della ricerca, dell’arte, della musica, del cinema e del teatro.