Il Grande Sud della Tunisia si apre all’Italia Da Milano al Sahara in sole due ore di volo

Il Sud della Tunisia si apre al turismo. Piatto forte è ovviamente il Sahara con i suoi colori, le oasi, i bazar e le mille escursioni possibili. Il Grande Sud della Tunisia, dunque, per vivere una vacanza diversa, tra l’avventura, il relax e scenari incantevoli, in un mondo tutto da scoprire, ad appena due ore di volo da Milano. E proprio per lanciare questa regione della Tunisia, dove tra ottobre e maggio è possibile trovare il calore del sole e temperature accettabili, Tunisair ha deciso di collegare Milano Malpensa con Tozeur, la cosiddetta porta del deserto, una città vivace e destinata a diventare la capitale del turismo non balneare nel Paese nordafricano, «complementare, dunque, alle vacanze sulle nostre coste che ogni anno portano attirano oltre 450mila italiani», ha sottolineato il ministro del Turismo, M. Khelil Lajimi, che ha accolto i partecipanti al primo volo. Da questo mese, dunque, Malpensa e Tozeur sono collegate da un volo bisettimanale programmato il giovedì e la domenica. «In questo modo - ha detto Riadh Farhat, direttore di Tunisair per l’Italia - assicureremo 75mila posti in più l’anno nel nostro Paese». Una volta arrivati a Tozeur le possibilità di svago non mancano, come anche gli hotel di ottimo livello a prezzi competitivi, come il Palm Beach (5 stelle). Che cosa fare non è un problema: ci si può riposare in piscina all’ombra delle palme, beneficiare dei trattamenti della spa, organizzare una visita alla Medina e, intanto, programmare le escursioni (quella nell’oasi di montagna di Tamerza è vivamente consigliata) o la partita a golf, a pochi minuti di auto dal centro di Tozeur, proprio di fronte al grande palmeto. Il percorso di 18 buche, disegnato da Ronald Fream, è disseminato di canyon e pareti rocciose, mentre i 25 ettari di erba sono irrigati con acqua riciclata. Per chi non ama il golf c’è la possibilità di fare il giro della città e avventurarsi nel palmeto comodamente seduti su un calesse.
Ma per coloro che intendono veramente staccare e provare l’emozione di trascorrere il fine settimana nel deserto, ecco l’opzione «Sahara experience camp drive». In gruppi che vanno da un minimo di 20 a un massimo di 120 partecipanti, si impara a guidare sulle dune sia il fuoristrada sia la moto. Il raid è praticabile tutto l’anno (sconsigliati luglio e agosto). La stellata notturna del Sahara è uno spettacolo che non si può perdere (Ente nazionale tunisino per il turismo, 02/0286453044, www.tunisiaturismo.it, info@turismotunisia.it).