«Grande tifoso Juve mi ha minacciato»

Brescia. «Un grande tifoso juventino» ha intimidito Gino Corioni, il presidente del Brescia, per indurlo a chiudere Plus Media Trading il consorzio che si batteva per i diritti televisivi di alcune società di calcio. Lo ha raccontato proprio Corioni alla Procura di Brescia che ha aperto un fascicolo sugli illeciti avvenuti nel campionato. Le indagini partono da alcune dichiarazioni rese dal dirigente ad una emittente radiofonica. Il presidente ha dichiarato che in passato gli era stato detto: «Se non ti comporti in questo modo, finisci nell’interregionale». Al termine dell’interrogatorio, durato 45 minuti, Corioni ha spiegato: «Ho parlato dei mali del calcio italiano e, in quel caso, non si può non tirare in ballo i due della Juve e l’assenza dei presidenti di Lega e federazione».