Grandi cene per conoscere l’alta cucina

Sei giorni ancora e domenica avrà inizio a Palazzo Mezzanotte a Milano la quarta edizione di Identità Golose, simposio di cucina d’autore che uscirà dalla sua sede naturale per proporsi a tutti attraverso gli appuntamenti del Fuori Congresso. Si tratta di 39 ristoranti (20 creativi, 8 di tradizione meneghina e 11 etnici) con menù studiati apposta per l’occasione. La S.Pellegrino, tra tutti, ne ha selezionati 25, rispettivamente 14, 4 e 7, per tenervi il cosiddetto «Dine Out». Si tratta una degustazione di acque minerali in sintonia con i piatti proposti dalla cucina. Si può spaziare dal pesce di Alice in via Adige all’Italia di Aimo e Nadia, dalle idee di Nicola Cavallaro a quelle del Liberty, dalla creatività di Cracco al lusso di Bulgari, dai Navigli dell’Osteria di Porta Cicca ai sapori del D’O. Quanto alla Milano da mangiare, quattro insegne: Alessandro in via Maroncelli, il Torchietto in Ascanio Sforza, Masuelli in viale Umbria e I Valtellina in via Taverna, splendido nome per la via che accoglie una superba osteria. E infine sette locali per una panorama delle cucina del mondo: l’Argentina del Don Juan; la Cina del Giardino di Giada e del Lon Fon; la Corea del Gin Mi; il Giappone di Kushi e di Zero; infine l’India del Rangoli. Tutte le insegne del Fuori Congresso in www.identitagolose.it.