«Le grandi devono tirar fuori i soldi»

da Roma

«La differenza tra le tre grandi e le altre la fanno i presidenti, che sono stati grandi personaggi come lo sono ora i vari Agnelli, Berlusconi e Moratti. Una volta però i presidenti mettevano mani al loro portafoglio, mentre adesso vogliono pescare nel sacco comune e la cosa non va bene. La differenza la dovrebbero fare di tasca propria perché uno entra nel calcio per dare, non per prendere». Così Maurizio Zamparini, presidente del Palermo e vicepresidente vicario della Lega a Radio Radio. Zamparini auspica un sistema all’inglese per la suddivisione dei diritti tv, «un sistema che darebbe vantaggi non tanto a società medie come Palermo e Fiorentina, ma alle più piccole perché il gap si restringerebbe soprattutto per loro». Zamparini torna poi ad accusare Galliani, chiedendone le dimissioni, per il contratto Mediaset-Juve. «Mi sono dato un po’ del cretino per aver venduto Toni, ho sbagliato io, ma hanno sbagliato anche le grandi a non prenderlo», conclude Zamparini.