Grandi idee a palazzo Tursi: i consiglieri sono tutti ragazzi

Stefania Antonetti

Consiglieri comunali in blue-jeans, con scarpe da tennis colorate e piumini all'ultimo grido: abbigliamento atipico per una seduta nella sala Rossa di Palazzo Tursi ma se a indossarli sono i membri del nuovo consiglio comunale dei ragazzi tutto torna. Puntuali le «nuove leve» dell'amministrazione comunale hanno preso posto ieri mattina nelle comode poltrone rosse, dimenticando i banchi di scuola e lontani dai loro insegnanti hanno ascoltato, proposto e discusso su iniziative riguardanti tematiche cittadine. Il tutto condito da una naturale semplicità. L'appuntamento ha coinvolto così il «giovane» consiglio dei Ragazzi «capitanati» dal loro presidente Gabriele Benedettini (scuola Don Milani-Colombo) e dal neo sindaco Giuditta Ciurleo, studentessa del Parini-Merello. In regia, a rappresentare gli adulti Emanuele Guastavino, presidente del consiglio comunale che un po' più ingessato nell'abbigliamento e con qualche anno in più, ha spiegato al giovane pubblico l'importanza dell'incontro per avvicinarsi alle istituzioni e alla democrazia.
Attenti e per nulla a disagio, i giovani consiglieri si sono divisi in sette diversi gruppi di discussione e in fila per due hanno seguito i veterani Giuseppe Costa, Paolo Striano, Giuseppe Murolo, Maria Rosa Biggi, Anna Dagnino, Angela Burlando e Patrizia Poselli, con cui hanno discusso mozioni e interpellanze. «I temi oggetto dell'interesse dei ragazzi, peraltro preparatissimi, riguardano la sicurezza, l'ambiente, il territorio e le attività extra-scolastiche - dichiara Giuseppe Costa -. Originale è l'iniziativa presentata da alcuni studenti delle Marcelline che hanno proposto la creazione di un “Museo a cielo aperto” a Boccadasse, per la salvaguardia di tradizioni e cultura marinara». Dopo una piccola interruzione e un fuori programma ricreativo sulla terrazza della Sala Rossa, non gradito a Guastavino, i giovani consiglieri sono tornati in sala ed hanno riassunto le loro funzioni «istituzionali».
«Le proposte di questa mattina verranno sottoposte all'attenzione della giunta dei ragazzi e portate avanti almeno una per ogni gruppo - ha dichiarato Guastavino -. Le più interessanti saranno poi oggetto di discussione anche in consiglio comunale, quello degli adulti per intenderci». A breve lo stesso presidente spera poi di poter presentare all’Unione Europea due progetti ambientali e istituzionali delle scuole genovesi e ottenerne il relativo finanziamento.