Fra le grandi migliora solo Torino un capoluogo a misura d’uomo

da Milano

«Sapessi che piacere mi fa vedere Torino così in festa». Cristina Chiabotto, nata 21 anni fa a Moncalieri che è lì vicino, ex Miss Italia e presentatrice tv, non si fa tanti problemi a promuovere a pieni voti la sua città: «Prima qui c’era un’aria di chiusura, non so se fosse colpa della mentalità o della freddezza tipicamente piemontese, però si percepiva chiaramente». Lei è partita da Torino per diventare in pochissimi anni uno dei volti emergenti della tv. Tanto è vero che ora, dopo il successo delle Iene e di Ballando con le stelle, la scuderia di Bibi Ballandi ha investito su di lei per trasformarla nella prossima diva. «Ma tutto è iniziato a Torino, dove ho fatto tutte le scuole. Non è trascorso molto tempo ma da allora le cose in città sono molto migliorate».
Da che cosa dipende, secondo lei?
«Dopo le Olimpiadi invernali si vive meglio. In questi mesi sto lavorando spesso a Torino e ogni volta me ne accorgo. L’altra sera ero sul palco nella centralissima piazza Carlo davanti a seimila persone: ho capito che erano felici non solo per l’evento in sé... ».
Ma anche... ?
«Perché ormai è impossibile non accorgersi che la città è cambiata in meglio».
Di chi è il merito?
«Senz’altro del Comune. Ma anche delle associazioni o di grandi aziende come la Fiat, che non si sono mai tirate indietro nell’aiutare la città. E poi c’entrano anche eventi come la Fiera del libro, che sanno mescolare molto bene il risvolto culturale a quello sociale».
E i risultati quali sono?
«Che a Torino è addirittura aumentato il turismo. E non è un risultato da poco: vuol dire che qui si sta bene e se ne stanno accorgendo dappertutto, anche all’estero».