Grandi nomi del teatro all’ombra del monastero

Nell’affascinante complesso monumentale monastico di Valle Christi, dal 15 lulgio al 7 agosto, si svolgerà il festival internazionale di teatro giunto alla sesta edizione. La manifestazione che nasce nel 2003 dalla collaborazione tra il Master in Architettura per lo Spettacolo dell'Università degli Studi di Genova e il Goldsmiths College della London University. Il successo di pubblico in questi sei anni è indiscusso dal momento che l'associazione Valle Christi è stata in grado di portare in scena, sul suggestivo palcoscenico dinanzi al monastero gotico-romanico del XII secolo, grandi nomi del teatro come Giorgio Albertazzi, Dario Fo, Franca Rame, Arnoldo Foà, Michele Placido, Valentina Cortese. E anche quest'anno certamente i nove spettacoli in programma non deluderanno gli spettatori, anche perché c’è una novità che riguarda una collaborazione internazionale, quella con il Consolato Generale degli Stati Uniti d'America di Milano e di Genova che ha fatto sì che il 17 luglio si esibisca un'artista di grande interesse, Kareem Salama, statunitense di fede islamica,che porterà sul palcoscenico di Valle Christi la sua musica country/western unica nel suo genere.
Salama non sarà il solo richiamo perché il 15 luglio il Festival apre con "Fuochi",un reading teatrale dedicato a Clitennestra, interpretato da Elisabetta Pozzi, attrice genovese di grande fama che da quattro anni collabora alla manifestazione e che in questa occasione avrà a fianco il supporto musicale del marito Daniele D'Angelo. Il 20 luglio Sergio Maifredi presenterà il suo spettacolo «Viaggiatori Viaggianti», mentre il 23 sarà in scena il poliedrico e originale artista sardo Mariano Chelo, che si esibirà in una performance di Action Painting che vedrà protagonista proprio il monastero. L’edificio, sarà ritratto a tempo di tango, con il supporto di un apparato audio video. Il 29 la Compagnia Teatri Possibili di Corrado D'Elia arriva con una produzione già molto applaudita nella tournèe invernale, è "Novecento" di Alessandro Baricco, mentre il 31 ci sarà un'esibizione al pianoforte di Andrea Bacchetti che, con Fabrizio Matteini, darà voce alla suggestione delle poesie di Paul Verlaine su note di Debussy. Gli appuntamenti di agosto sono tre: il 2 c’è una produzione del Festival, "Gli Invisibili", di Craig Wright,tradotto da Patrizia Monaco e Kiara Pipino, che ne cura anche la regia; il 4 ci sarà l'arpista Vincenzo Zitello, protagonista di un'esibizione di musica celtica. A chiudere l'edizione, il 7 agosto, ci sarà l'attesissimo Paolo Rossi, con "Sulla strada ancora", uno spettacolo costruito su sé stesso, sulla sua carriera e sulle sue esperienze di vita, scritto a quattro mani insieme a Stefano Benni.
Gli organizzatori ci aspettano in tanti ricordandoci che malgrado il caldo estivo, Valle Christi non sembra risentirne,quindi ricordarsi che per gustare meglio gli spettacoli occorre senz'altro non dimenticare una maglia di lana.