Grandine e nubifragio Danni e treni fermi

Un violento nubifragio, con pioggia
torrenziale, raffiche di vento e grandine si è abbattutto su
diverse zone della città di Milano tra le 23.30 e la
mezzanotte di ieri sera. Oltre 140 gli interventi dei vigili del fuoco

Milano - Un violento nubifragio, con pioggia torrenziale, raffiche di vento e grandine si è abbattutto su diverse zone della città di Milano tra le 23.30 e la mezzanotte di ieri sera. La grandine in particolare ha imbiancato le strade del centro creando un suggestivo effetto nevicata. Tra le più colpite la zona di San Siro dove i chicchi di grandine hanno raggiunto le dimensioni di noci. Al momento i vigili del fuoco non hanno ricevuto segnalazioni di particolari danni.

Treni fermi nella notte La circolazione ferroviaria è stata interrotta per quattro ore nella notte sulla linea Milano-Piacenza a causa del maltempo che ha colpito la Lombardia. Le Ferrovie dello Stato spiegano che a causa del forte nubifragio è stata interrotta la circolazione dei treni per circa 4 ore tra Secugnago e Tavazzano. Stamane alle 6:25 è stato riattivato un binario, grazie al lavoro dei tecnici del gruppo Fs per garantire il flusso dei treni pendolari verso Milano. I treni verso Sud, invece, sono stati deviati via Voghera-Bressana-Broni-Piacenza. I ritardi previsti, annunciano le Fs, sono di 30-40 minuti e la previsione per la ripresa regolare della circolazione è intorno alle 8:30 circa.

Gli interventi dei vigili del fuoco Il maltempo, che ha sferzato la Lombardia nelle ultime ore, ha costretto ad un lavoro intenso i Vigili del Fuoco. Nell’area di Milano e provincia, sono stati oltre 140 gli interventi dei pompieri chiamati a risolvere, nel corso della notte, problemi di allagamento di cantine e capannoni e di caduta alberi. A causa della forte richiesta da parte dei cittadini i Vigili del Fuoco, a quanto appreso, sono ancora impegnati a concludere gli interventi avviati sin dalla scorsa serata.