Gratta e Vinci, in Toscana la fortuna bussa due volte nello stesso giorno

Cinque milioni a Lido di Camaiore, in Versilia. Un milione in un bar di Firenze. La mano della fortuna e delle lotterie istantanee cala benigna sul capo di due fortunati giocatori toscani che grattano due biglietti vincenti. E fanno saltare il banco.

Per un momento hanno pensato a un errore oppure a uno scherzo di Carnevale. Poi il brivido, la presa di coscienza e un piccolo mancamento subito sostituito dai festeggiamenti. E' questa la storia che accomuna due fortunati giocatori toscani, due frequentatori del Gratta e Vinci, premiati nello stesso giorno e nella stessa regione, da due super-vincite. La prima, quella più sostanziosa, ha baciato la Versilia. A Lido di Camaiore sono stati vinti 5 milioni di euro al nuovo concorso Gratta e Vinci «Maximiliardario». Una sorta di bis visto che lo scorso 2 febbraio si era verificata un'altra vincita di 5 milioni di euro con una scheda acquistata in una tabaccheria della Darsena a Viareggio. Il giocatore, che ha speso 20 euro per acquistare la scheda, sarebbe un quarantenne del posto. L'uomo si è presentato al titolare della rivendita di tabacchi Antonio Gori chiedendo conferma della sua vincita. «È sbiancato e per poco non si è sentito male dall'emozione - dice il titolare della rivendita di tabacchi - ho avuto appena il tempo di farmi la fotocopia del biglietto che il fortunato se ne è andato via».
Episodio analogo a Firenze. Qui, nella città del Giglio, non è stata una mattinata come le altre per un fortunato signore di mezza età che, attorno alle 12 in una tabaccheria fiorentina, ha pescato un gratta e vinci della serie il «Mega Miliardario» da un milione di euro. «Si è quasi accasciato su stesso, non riusciva a crederci. Siamo state noi a fargli capire che aveva visto bene, che quello che aveva in mano era davvero il biglietto da un milione» raccontano Stella e Alba Berchielli, titolari dell'omonima tabaccheria, con il sorriso sulle labbra. «Aveva appena vinto 10 euro, per un attimo ha pensato di tenersi quei soldi e andare via. Poi, ormai sulla porta, ha scosso il capo ed è tornato indietro, chiedendo un altro gratta e vinci». La tenacia del giocatore, insomma, almeno per questa volta è stata premiata. Il fortunato dovrà ora aspettare 20 giorni prima di farsi liquidare la cifra dall'istituto di credito convenzionato con la lotteria. «Da lui non ci aspettiamo niente, siamo contente così. Se proprio volesse, però, ci piacerebbe un bel mazzo di mimose per la festa della donna».
Nel 2011 il Gratta e Vinci ha già distribuito vincite per oltre 990 milioni di euro. Apprezzatissimo «il Turista per Sempre» che a un anno dal lancio ha già assegnato 115 rendite, pagando premi per oltre 1,2 miliardi di euro. «Vivere alla Grande» ha, invece, assegnato in pochi mesi 11 rendite, distribuendo vincite per oltre 231 milioni di euro. Una macchina, quella delle cosiddette lotterie istantanee che sembra davvero girare a pieni giri e non conoscere crisi.