Gravi violenze familiari: cinese finisce in carcere

Si è conclusa la tragedia familiare che ha coinvolto una donna cinese trentatreenne, madre di tre figli di 4, 6 e 13 anni. Estenuata per i continui maltrattamenti, per le botte che le hanno provocato delle fratture agli arti e per le ripetute violenze sessuali subite, ha deciso di denunciare il marito di 43 anni. L’uomo è stato fermato, nel quartiere San Giovanni, dagli agenti della polizia municipale dell’ VIII gruppo guidati da Antonio Di Maggio. Mentre sua moglie è stata accolta in un centro protetto comunale.