Grazie per le nostre storie semplici

Buon anno a tutti voi giornalisti di «un altro giornale è possibile».
Grazie perché vi prendete a cuore le storie semplici delle persone normali.
Grazie per l’articolo del presepe, che ha reso felici tante persone, la signora Luciana, la custode di San Pietro, ieri aveva le lacrime agli occhi, leggendo le poche righe a lei dedicate: ... «Dopo tanti anni, qualcuno ha capito il sacrificio che faccio tutti i giorni, grazie per avermi descritto così bene...». Mi ha detto.
E gli altri, che cercavano una copia del Giornale e chi non la torvava, correva a fare una fotocopia...
Questa comunità, ormai decimata dalle seconde case, ha ritrovato in un giorno il proprio orgoglio, la propria identità... da questo deve partire il nuovo anno. Ancora grazie.
Porto Venere