Per Greenspan recessione vicina

L’ex presidente della Federal Reserve, Alan Greenspan, è convinto che le probabilità che gli Stati Uniti entrino in recessione è più alta del 50 per cento. Lo ha detto in una intervista al quotidiano spagnolo «El Pais». La crisi, caratterizzata da una significativa caduta degli ordinativi, da un’impennata della disoccupazione e da una sostanziale debolezza dell’economia, non è ancora arrivata. Sempre Greenspan, chiamato a pronunciarsi su quali Paesi europei sentiranno di più gli effetti della crisi del credito Usa, ha accennato ai «problemi dell’Italia» e si è soffermato sulla «vulnerabilità» della Spagna. La capacità di reagire «dipende dalla politica che viene applicata in ciascuno Stato».