Il Grifone ruba Mesto alla Samp

Dopo Modesto e Palladino, ora tocca a Giandomenico Mesto. E se il derby di mercato dell'anno scorso fu vinto nettamente dalla Samp con Campagnaro e Gastaldello che si colorarono di blucerchiato, quest'anno il Genoa ha vinto sugli esterni, e non solo, la concorrenza dei cugini. La trattativa con la Reggina è decollata dopo il riscatto del calciatore in comproprietà con l'Udinese. L'esterno destro Mesto, 26 anni compiuti a maggio, arriva a Genova in comproprietà in cambio della metà di Santos detenuta dal Genoa, del prestito di Fabiano e di tre milioni di euro in contanti. Non solo. La società rossoblù si è anche assicurato il diritto di riscatto dell'altra metà alla prossima sessione di mercato. Con Mesto, alter ego di Rossi, il Genoa cresce ulteriormente la sua qualità.
Ma ieri alle 12 si sono anche aperte le buste per la soluzione delle comproprietà e oltre al passaggio definitivo di Barasso al Taranto si è registrato quello di Cacia al Piacenza (era in comproprietà con la Fiorentina, ndr). Un fatto, questo, che ha aumentato le sue quotazioni verso Genova, ma su sponda Samp.
I blucerchiati hanno così sondato ulteriormente questa pista, ma quella più calda sembra portare a Nicola Amoruso. L'attaccante non ha trovato l'accordo con la Lazio e Beppe Marotta si è così inserito nella trattativa che potrebbe riportare alla Samp un attaccante maturo, ha 34 anni, ma molto prolifico se si pensa che nelle ultime tre stagioni di A è sempre andato in doppia cifra realizzando complessivamente 40 reti.
Da Udine infine arriva la conferma di un interessamento blucerchiato per Pinzi.