Il «Grinzane» ad Avoledo

Africa, Europa e Sudamerica nella terna dei vincitori per la narrativa straniera del Premio Grinzane Cavour 2006. La giuria ha scelto l’egiziano Gamal Ghitani, autore di Schegge di fuoco (ed. Jouvence), l’irlandese Roddy Doyle, con Una faccia già vista (Guanda), e la colombiana Laura Restrepo, autrice di Delirio (Feltrinelli). I vincitori designati per la sezione della narrativa italiana sono Tullio Avoledo (Tre sono le cose misteriose, Einaudi), Silvia Di Natale (L’ombra del cerro, Feltrinelli) e Silvana Grasso (Disio, Rizzoli). I supervincitori saranno scelti dalle giurie scolastiche e proclamati il 17 giugno nel castello di Grinzane Cavour, storico comune dell’Albese. La giuria dei critici, tra cui figurano Tahar Ben Jelloun, Masolino d’Amico, Raffaele Nigro, Alain Elkann e Bjorn Larsson, ha conferito il Premio Autore Esordiente ex aequo al canadese Steven Hayward, per La mitzvah segreta di Lucio Burke (Instar Libri), e all’albanese Ornela Vorspi per Il paese dove non si muore mai (Einaudi).