Grosseto, bimba muore per asfissia: la madre indagata per omicidio

La piccola aveva solo 8 mesi e si era trasferita da pochi giorni a Grosseto con la madre. La donna ha aspettato 12 ore prima di chiamare un'amica che ha dato l'allarme

È morta per asfissia a soli 8 mesi. Ma per la procura di Grosseto la crisi respiratoria che ha ucciso la piccola sarebbe stata provocata dalla madre, una dominicana, ora indagata per omicidio.

La donna, infatti, avrebbe chiesto aiuto 12 ore dopo la morte della figlia, avvenuta il mattino del 6 giugno: solo in serata un'amica della dominicana ha chiamato i carabinieri, sostenendo di non essere bene a conoscenza di cosa fosse realmente accaduto. Ai militari aveva riferito che l'amica l'aveva chiamata: era agitata e le aveva chiesto ripetutamente di andare da lei da sola e senza chiamare nessuno. Una volta arrivata, aveva trovato il corpicino.

Interrogata dai carabinieri, la madre della bimba - che si era da poco trasferita a Grosseto da Quarto (Napoli) - avrebbe assunto uno strano comportamento e avrebbe riportato un raccono "contradditorio, se non chiaramente mendace". La procura ha così disposto l'autopsia che ha evidenziato una sofferenza respiratoria "come se la bambina avesse avuto problemi di asfissia". Non è ancora chiaro però se la piccola sia morta per cause naturali o meno.