Grotta-serbatoio a Trevi nel Lazio

Una grotta lunga circa un chilometro a una profondità di 180 metri e che contiene enormi risorse idriche. L’importante scoperta idrogeologica è avvenuta a Trevi nel Lazio (in provincia di Frosinone), vicino a Fiuggi, all’interno di un territorio che così si conferma come uno dei bacini idrici più importanti d’Italia e tra i primi in Europa. A individuare la grotta allagata il gruppo speleologico «T3», al termine di una serie di sopralluoghi e immersioni cominciate già da tempo, nell’ambito di uno studio su questa grotta avviato dopo la sua scoperta, cinque anni fa. Gli speleologi, guidati dal geologo Giorgio Caramanna, responsabile scientifico del progetto, hanno individuato un tunnel di acqua potabile, la cui portata sarà accertata nei prossimi mesi con nuove immersioni. All’interno della grotta, situata in località La Foce e che si estende verso Sud-Est, all’interno del parco regionale dei monti Simbruini, scorre acqua per alcuni metri cubi al secondo. Si tratta dunque di una scoperta che potrebbe rivestire una notevole importanza per combattere la persistente crisi idrica. L’acqua presente nella cavità, secondo gli esperti del gruppo «T3», finisce nella sorgente Ceraso e quindi confluisce nel fiume Aniene. Non si conosce ancora la provenienza dell’acqua che riempie il grande serbatoio naturale, ma è stato comunque accertato che ci sono infiltrazioni in alta quota.
«Nella grotta - ha spiegato Giorgio Caramanna - esistono gallerie di grandi dimensioni, tipo quelle stradali, dove l’acqua scorre molto rapidamente. Si tratta di una risorgenza di rilevanza nazionale». La scoperta è stata illustrata ieri mattina nel corso di una conferenza stampa tenutasi al Castello Cajetani, a Trevi nel Lazio. Erano presenti, tra gli altri, il sindaco Silvio Grazioli e il vicesindaco Tonino Salvatori. Nuovi studi idrogeologici saranno svolti nei prossimi mesi per acquisire nuove informazioni sulle quantità dell’acqua, che e stata definita di «ottima qualità». Gli amministratori comunali di Trevi gia pensano a progetti di sviluppo turistico e commerciale.