Guala abbassa il prezzo

da Milano

Accoglienza fredda del mercato per il collocamento Guala Closures e, secondo indiscrezioni raccolte in ambienti finanziari, la forchetta di prezzo fissata tra 5 e 6,2 euro potrebbe essere portata tra i 4 e i 5,2 euro.
Ieri si è chiusa l’offerta pubblica del gruppo di Alessandria specializzato nei sistemi di chiusura di sicurezza per bevande alcoliche, bibite analcoliche e olio che, secondo indiscrezioni, dovrebbe essere coperta anche se l’accoglienza è stata fredda e il prezzo considerato troppo alto.
Gli azionisti (Investitori Associati con il 55,5%, il management col 25,8%, la famiglia Guala con il 7,5% e Banca Intesa con l’11,2%) non avrebbero interesse ad andare contro il mercato e starebbero rivalutando la forchetta di prezzo. Global coordinator e sponsor è JP Morgan, mentre il responsabile per il collocamento e specialist è Caboto.
Le risorse raccolte in sede di collocamento (l’offerta globale è strutturata attraverso un aumento di capitale con azioni di nuova emissione e una cessione di azioni messe da parte di alcuni azionisti) saranno destinate, in via prioritaria, alla riduzione dell’indebitamento finanziario e a sostenere i futuri programmi di crescita. I primi nove mesi sono stati archiviati con un utile netto pari a 3,8 milioni, contro una perdita di 2,7 milioni registrata nel medesimo periodo dello scorso anno.