Guarda a Madrid S&P è prudente

Cattolica

Standard & Poor’s potrebbe rivedere al ribasso il giudizio su Cattolica che precipita in Piazza Affari (meno 5,15% a 43,50 euro) all’indomani del fallimento del matrimonio con Bpvn. A fare naufragare i progetti sarebbe stata, dopo una discussione aspra, la stessa valutazione della compagnia scaligera a partire dalle riserve. Ma con l’integrazione Bpi-Bpvn e Bpu-Banca Lombarda a cambiare sono state anche priorità dei due partner storici di Cattolica. Alla stretta finale sul presidente di Cattolica Giuseppe Camadini, bresciano, hanno quindi prevalso i richiami di «casa»: quelli di Banca Lombarda, di cui la compagnia è socia e Camadini consiliere. Ora che Bpvn ha rotto il vincolo di esclusiva nella bancassurance, Cattolica dovrà ritrovare la propria strategia e l’ad Ezio Paolo Reggia prosegue il lavoro per stringere un’alleanza, attraverso Duomo, con la spagnola Mapfre che, dopo mesi nell’ombra, hanno confermato di valutare la nuova situazione.