Guardano le news e snobbano i reality show

Seguono soprattutto i programmi d’informazione, non si appassionano ai reality, ma soprattutto lamentano una scarsa rappresentanza multietnica sullo schermo. È quanto emerge da un indagine su «extracomunitari e tv» commissionata dallo stilista Alviero Martini e resa nota da Klaus Davi. Il 31 per cento del campione sta davanti al piccolo schermo tra le 5 e le 6 ore al giorno, anche se quasi la metà degli stranieri (il 42 per cento) si sintonizza su canali del proprio Paese di origine attraverso il satellite.
Dopo l’approfondimento (al primo posto per il 25 per cento degli intervistati), gli stranieri seguono soprattutto lo sport (il 20 per cento), la fiction (il 20 per cento), il varietà (18 per cento), i film (16 per cento) e i quiz (14 per cento), mentre solo l’8 per cento sceglie i reality.
Secondo la ricerca, inoltre, il personaggio televisivo preferito sarebbe Bruno Vespa (16 per cento), seguito da Michele Santoro (15 per cento) e Federica Sciarelli (12 per cento). La carenza lamentata più frequentemente è la scarsa presenza in video di anchorman stranieri, la troppa politica trasmessa, lo scarso respiro internazionale della tv italiana.