La «guardia nazionale» non sta più con Burlando La sinistra grida al golpe

In principio fu il (o la?) Dssa. Una specie di Spectre da film di 007 che però si autoproclamava dalla parte dei buoni. Cofondatori di quella che doveva essere una nuova «Gladio», una milizia parallela creata per difendere lo Stato italiano e gli alleati occidentali, specie dopo gli attentati dell’11 settembre e delle strage islamica alla stazione di Madrid, erano Gaetano Saya e Riccardo Sindoca. Già allora, nel 2005, ci furono indagini eclatanti concluse con l’arresto dei due leader considerati come neofascisti decisi a ricreare organizzazioni paramilitari parallele per riconquistare il potere con un colpo di Stato. Il risultato? Persino il giudice delle indagini preliminari ci si fece su una bella risata e rinviò a giudizio i due per «abusiva comunicazione di notizie riservate di archivi informatici del Ministero dell’Interno». (...)