Guerra ai vip al volante Altro incidente a Mosca: uccise quattro persone

Sono più di 200 gli incidenti causati dalle auto blu solo nel 2010. Ieri l'ultimo con la morte di quattro operai uccisi da due auto di lusso che sfrecciavano a 120 km/h per la città. I moscoviti si ribellano

Mosca - Sacchetti blu sul tettuccio delle auto. Così i russi protestano con le loro automobili per le vie di Mosca o  contro lo strapotere dei magnati dei vip che a bordo delle loro auto-blu hanno ucciso, investendoli, molti cittadini negli ultimi anni. L'ultimo episodio risale a ieri. Questa volta le vittime sono quattro lavoratori immigrati originari della Moldova, travolti mentre attraversavano le strisce pedonali da due auto, una Mercedes e una Toyota Land Cruiser, che sfrecciavano, secondo testimoni, a oltre 120 km all'ora, lungo la strada per l'aeroporto internazionale Domodedovo. Nel 2010 le vittime investite dalle auto di lusso sono state ben 218. I vip fra cui imprenditori, registi o uomini politici, ottengono sirene blu da esporre sulle proprie auto per sfrecciare per le strade evitando il traffico asfissiante delle grandi città russe. Ma la voglia di sfuggire alle code ha provocato un innalzamento pesante del numero di incidenti.

La reazione I moscoviti hanno reagito fortemente a questa situazione grazie al web, pubblicando su Youtube video che testimoniano gli incidenti cercando anche di individuare i colpevoli, che ovviamente dopo aver investito una persona scappano via a grande velocità. A maggio scorso l'autista della limousine del ministro russo della protezione civile ha minacciato un automobilista di sparargli ''un colpo in testa'' se non lo avesse lasciato passare. Anche questo episodio è documentato su Youtube, che in Russia sta diventando la nuova arma contro l'arroganza e l'impunita' del potere