La guerra dei «Rossi»

Neanche tra le mura domestiche le varie anime di quel che resta di Rifondazione comunista dopo la cancellazione dal Parlamento riescono ad andare d’accordo. Accade a Grottammare (Ascoli Piceno), dove l’ex sindaco e attuale presidente della Provincia, Massimo Rossi, è stato battuto nel locale circolo di Prc dal figlio, Lorenzo Rossi. Contrapposte, la mozione congressuale dell’ex ministro Paolo Ferrero - sostenuta da Rossi junior e risultata vincente - e quella di Walter De Cesaris, sponsorizzata da Rossi senior. Il padre, stracciato per 13-4, l’ha presa con filosofia: «Anche se gli ideali restano gli stessi – dice Massimo Rossi – con mio figlio c’è da tempo un conflitto politico aperto».