Guidolin lascia la compagnia Sfuma Zeman: in C non scendo

Il tecnico se ne va. E arriva l’ex atalantino Vavassori. Solo il capitano rimane. Blondet: «Speriamo di cominciare dopo gli altri»

da Genova
Tutti a casa. Francesco Guidolin ha deciso di annullare, d’accordo con la società rossoblù, l’allenamento di ieri al campo di Ronco Scrivia e ha salutato tutti: non sarà lui il tecnico che guiderà il Grifone in serie C1, ma l’ex atalantino Giovanni Vavassori. Il sogno Zeman è sfumato in pochi minuti, davanti alla frase del boemo: «In serie C non vengo». Qualcuno ha già fatto le valigie, del resto il presidente Enrico Preziosi era stato chiaro: «Tutti fermi fino alla sentenza del tribunale genovese poi i giocatori saranno liberi di decidere, non trattengo nessuno a malincuore». E allora prima Lavezzi, poi Parisi e Abbiati avevano deciso di lasciare il ritiro anticipatamente, senza attendere il «liberi tutti». Ma adesso anche la squadra è arrivata alla resa dei conti: così Milito, dopo essere scomparso da Pegli due giorni fa (la società solo in serata aveva saputo che era con il suo procuratore Hidalgo), non si ripresenterà al prossimo allenamento fissato per lunedì, così come non ci saranno con ogni probabilità Lazetic, Stellone, Zanini, Rimoldi, tutti sul piede di partenza.
Adesso Preziosi dovrà allestire una squadra in poco meno di una settimana, anche se il club ligure ha già chiesto un rinvio del campionato di due settimane, proprio come aveva fatto il Torino a cui era stato accordato il permesso. Deciderà oggi la Lega di serie C anche se il rischio è quello di un avvio forzato visto che, mentre il Torino era fallito, nel caso del Genoa c’è stato un illecito: «Mi auguro che vengano concessi al Genoa – ha detto il vicepresidente Gianni Blondet – tempi diversi per iniziare il campionato altrimenti dovrei pensare a qualcosa di discriminatorio nei nostri confronti». Intanto oltre che allestire una squadra c’è anche da trovare un allenatore, e in tempi molto stretti. Già lunedì la squadra potrebbe essere affidata al tecnico della Primavera, Vincenzo Torrente, che aveva guidato il Genoa anche in serie B. Preziosi è anche alle prese con stipendi faraonici ma intanto il capitano Giovanni Tedesco ha fatto sapere di voler rimanere: «Vorrei finire qui la mia carriera, questa gente lo merita».