Gulp! Ebbene sì, torna il "maledetto" Carter

Un libro e un dvd celebrano il leggendario personaggio disegnato dal grande cartoonist Bonvi. Un fumetto diventato cartone animato che ha incantato una generazione<br />

a«Ebbene sì, maledetto Carter: hai vinto anche stavolta»...
Ebbene sì, benedetti lettori: stavolta l’infallibile detective Nick Carter torna davvero. E finalmente... Il “vecchio” Nick, accompagnato come sempre dai suoi assistenti - il gigantesco Patsy e il saggio cinesino Ten - e inseguito dagli acerrimi nemici Stanislao Moulinsky e Bartolomeo Pestalozzi da Pinerolo, è di nuovo fra noi: arriva infatti in libreria, edito da Magazzini Salani, un cofanetto dedicato al mitico Nick Carter, il personaggio creato dall’indimenticabile cartoonist Franco Bonvicini, in arte Bonvi, e dal regista pubblicitario Guido De Maria: era il 14 settembre 1972 quando il «cartone» destinato a segnare un’intera generazione di teledipendenti apparve quatto quatto nel programma Rai «Gulp! I fumetti in Tv».. Il boom, però, avvenne grazie a «Supergulp!», la trasmissione cult firmata da Guido De Maria e Giancarlo Governi che andò in onda dal 1977 al 1981. Qui, a «Supergulp», il padrone di casa era appunto Nick Carter, che oltre al ruolo di detective svolgeva per l’occasione (realizzato non più a fumetti, bensì a disegni animati veri e propri) anche quello di conduttore...

Ricalcato sul popolare detective delle «dime novel» creato nel 1886 dall’americano John Russell Coryell (e pubblicato in Italia dall’Editrice Nerbini), il detective newyorkese Nick Carter, dotato di una notevole perspicacia e un’innata simpatia, in versione cartoon conquistò prestissimo il pubblico dei ragazzi (e non solo): frasi come «Ebbene sì, maledetto Carter!» o «Dice il saggio» sono entrate nel gergo di una intera generazione, e capita che siano utilizzate ancora oggi.

Ecco perché il ritorno della “banda” Carter oltre che una certa nostalgia non può non provocare un sottile piacere. Il cofanetto della Magazzini Salani contiene un libro più dvd che ripropone per la prima volta, a distanza di oltre trent’anni, una selezione delle più belle avventure di Nick Carter (sia quelli disegnati da Bonvi che da Silver e Clod, all’epoca i “ragazzi” della sua bottega modenese): otto episodi trasmessi dalla Rai in prima serata tra il 1973 e il 1979 e da allora non più riproposti al pubblico nei quali Carter, accompagnato dai suoi due fidi aiutanti, Patsy e Ten, è alle prese con impossibili casi dove il colpevole è quasi sempre l’asso dei travestimenti Stanislao Moulinsky (a cui dava la voce, imitando quella di Amedeo Nazzari, il bolognese Mauro Mattioli, scomparso l’8 novembre scorso...) o il suo allievo Bartolomeo Pestalozzi di Pinerolo (doppiato dallo stesso regista, Guido De Maria). Tra le indagini contenute nel dvd figurano «Il segreto di Hata Mari», in cui si fa il verso alla celebre spia del primo conflitto mondiale, «La mela idraulica», garbata parodia di “Arancia Meccanica” di Kubrick, e «Il mistero del Bolide Scomparso», dove Nick Carter è alle prese con un caso di spionaggio automobilistico presso le officine «Ottonari» di Ravanello, un’indagine che anticipa di trent’anni avvenimenti di cronaca recente... I fumetti di Nick Carter, come è noto, sono ricchi di citazioni e riferimenti culturali che spaziano dal cinema (Fritz Lang ad esempio) alla letteratura (Frankestein, ad esempio), dal costume alla storia... uno dei motivi per i quali il «cartone» ebbe grande fortuna sia tra i ragazzi (la trasmissione, che raggiunse l’83% di indice di gradimento, venne vista all’epoca da molti bambini che si conquistarono il raro permesso di restare alzati anche dopo Carosello) che tra i loro genitori.

Il libro che accompagna il dvd invece raccoglie una selezione di oltre cento pagine di storie a fumetti, realizzate tra il 1972 al 1981, di diversa provenienza e si apre con la prefazione dello scrittore Valerio Massimo Manfredi che ricorda l’amico Bonvi e ripercorre l’incontro con Guido De Maria. Segue l’introduzione del curatore del cofanetto, Claudio Varetto, pubblicitario modenese, autore del sito www.nickcarter.it, creatore e animatore del Carter Club, oltre che del blog di Guido De Maria. Un omaggio doveroso all’indimenticabile “vecchio” caro Nick Carter, ilq aule più di ogni altro “collega” di carta ha contribuito in maniera determinante al riconoscimento del fumetto d’autore come genere artistico rendendolo accessibile, attraverso la televisione, a tutti.

E per il resto, come si diceva allora, «Tutto è bene ciò che finisce bene». «E l’ultimo chiuda la porta».