Il guru di «Mister President» avvocato difensore del Cav

A Venezia per ritirare il Premio Antico Pignolo per il suo libro Come si governa il mondo (Fazi), il consigliere di Barack Obama per la politica estera, Parag Khanna (nella foto), direttore della Global Governance Initiative per conto della New America Foundation, segnalato da Esquire tra le settantacinque persone più influenti del mondo, ha fatto sapere come la pensa riguardo gli ultimi movimentati tempi della politica italiana: è sbagliato puntare il dito contro Berlusconi. «Sbagliato - ha detto - voler cercare un colpevole a tutti i costi, perché la crisi è iniziata prima dell’era Berlusconi e basta uscire dai confini dell’Italia per accorgersene. In questi frangenti, però, serve stabilità e Mario Monti è, per voi, l’uomo giusto al momento giusto». Con questa precisazione: «La politica influenza i mercati e viceversa» e proprio per questo «lui saprà giocarsi le carte giuste per rispondere a quello che i mercati esteri chiedono, sistemando la struttura dell’economia». Come dire, è proprio un momento di tecnici. Per la politica, ripassare più tardi.