Ha un bel suono la voce che canta fuori dal coro

Egregio Dottor Lussana, complimenti al signor Graffione per l’articolo di ieri su Calissano: dimostra, magis magisque, che chi lavora a Il Giornale non è un pavido vigliacco e non si adegua al coro.
Per contro, quante rane gracidanti sono venute fuori, adesso, dicendo che tutti lo sapevano che Calissano era un cocainomane, un violento, un tipo da cui stare alla larga! E prima, queste rane vigliacchette, come mai lo frequentavano e non gli stavano alla larga? Io non ho particolari motivi per schierarmi da una parte o dall’altra - sono dell’idea che la mia libertà è inviolabile fin quando non viola quella degli altri - ma mi sembra che sparare adesso su uno che, è evidente, aveva ed ha gravi difficoltà sia particolarmente odioso. Cordialmente,

Genova