«Ha fatto volontariato» Torna libero il politico sorpreso con la tangente

Ve lo ricordate Milko Pennisi, l’ex consigliere di Milano ed ex presidente della commissione urbanistica di Palazzo Marino, che era stato arrestato in flagranza di reato a febbraio incassava la rata di una tangente nel centro della città? Bene, dopo aver patteggiato due anni e dieci mesi di reato, ed ottenuto ad aprile gli arresti domiciliari, è tornato in libertà. La ragione? Eccola: l’ex esponente del Pdl, scrive il gip di Milano Gaetano Brusa nel motivare il suo provvedimento, ha svolto attività di volontariato presso la Fondazione Fratelli di San Francesco d’Assisi «con puntualità e impegno». La notizia è stata data soltanto ieri, ma Pennisi, che subito dopo il fermo aveva restituito i 10mila euro della mazzetta e devoluto 5mila come cifra simbolica al Comune, è un uomo libero dal 2 agosto scorso. Tempi della giustizia.