«Hai hai hai...», Versace

«Non abbiate paura», così l’onorevole Santo Versace si rivolge con una e-mail ai suoi ex colleghi di partito. Rivolgendosi a coloro che ritengono di poter dare un contributo per affrontare la difficoltà in cui versa il Paese, Versace dice: «Lo facciano in modo esplicito e coerente alla luce del sole. Se come io credo vi sono in Parlamento le energie e le volontà, occorrono atti di coraggio, non sono ammissibili congiure di palazzo, occorre una schietta e seria presa di coscienza, che si traduca in un voto di sfiducia al governo Berlusconi, unica via riconoscibile dall’opinione pubblica come legittima». Peccato che però il fratello dello stilista Gianni, oggi tra i malpancisti del Pdl, sia incappato nella classica buccia di banana: sarà il furore idealista, sarà la fretta ma è nella lettera è spuntato un errore grammaticale da matita blu. La lettera è indirizzata «hai Parlamentari del Pdl». Hai, hai onorevole Versace...