Hamilton Campione del mondo per un punto Massa vince l'ultimo gp, ma non basta

Il pilotadella Ferrari sfiora l'impresa vincendo in Brasile, ma è Lewis Hamilton, che acciuffa il quinto posto nell'ultima curva di una gara rocambolesca e avvincente, a laurearsi campione con la McLaren. Le lacrime di Massa: era convinto di avercela fatta. Alla Ferrari il Mondiale costruttori

San Paolo - Lewis Hamilton ce l'ha fatta: è campione del mondo piloti della Formula Uno. Gli è bastato il quinto posto per restare davanti al ferrarista Felipe Massa che ha vinto il gran premio del Brasile sulla pista di casa, a Interlagos. Lewis, il più giovane campione della Formula Uno ha trionfato per un punto. Un punto per conquistare l'ultima metà che a fine gara, complice la pioggia, sembrava essergli sfuggita di mano perché era scivolato indietro, dopo un cambio gomme a cinque giri dalla fine. Poi, è uscito fuori dall'ultima curva quinto, gelando il box Ferrari dove si stava facendo festa.

E' questo l'epilogo amaro per la Ferrari che ha sfiorato, con il suo pilota, l'impresa che sarebbe stata clamorosa visto il divario di punti con cui era arrivata all'ultima, decisiva gara: 7 punti. E' finita invece 98 a 97. Ma la casa di Maranello si laura comunque campione mondo Costruttori.

Le lacrime di Massa Ha pianto, Felipe Massa, sul podio e non di gioia. Il brasiliano ha visto sfumare all'ultimo quel titolo mondiale per cui si è battuto duramente, con caparbietà, dopo aver corso una gara perfetta davanti al pubblico di casa che lo osannava a ogni passaggio. Dovevano arriva al traguardo prima Glock, poi vettel infine - sesto - l'inglese. ma non è stato così. I due in quella ultima maledetta curva hanno superato Vettel...

"Felipe era convinto di aver vinto il Mondiale", ha raccontato Luca Baldisserri, responsabile di pista della Rossa nel cui box a fine gara per un attimo si è festeggiato prima di rendersi conto del sorpasso finale di Hamilton. "Avevamo detto che sarebbe stato un gran premio che si poteva decidere all'ultima curva è stato così: ma quell'ultima curva così è davvero incredibile".

"So come vincere e come perdere" Dopo le lacrime sul podio Felipe Massa riacquista in conferenza stampa il suo self control. "E' stata una gara perfetta - spiega il campione brasiliano - tutto è andato nel migliore dei modi. Sono orgoglioso di quello che abbiamo fatto, della gente intorno a me. Queste sono emozioni che si vivono e tutto va benissimo. Alla fine ho visto Lewis sorpassare, è stato un miscuglio di emozioni, la gara finisce con la bandiera a scacchi. Purtroppo abbiamo perso per un punto ma siamo orgogliosi di tutto il campionato. So come vincere e so come perdere, avremo altre giornate così". Difficile immaginare qualcosa di più frustrante che perdere il titolo per un punto alle ultime curve, dopo che ti hanno detto che ce l'hai fatta. Ma Dio sa quello che fa, e noi ci dobbiamo credere"."Certo so che io e tutta la squadra ne usciamo a testa alta, so che abbiamo fatto davvero tutto il possibile, e il campionato marche che abbiamo conquistato ne è la prova". "Adesso mi resta da fare le mie congratulazioni a Lewis Hamilton per il titolo conquistato, e riprovarci l'anno prossimo", conclude Massa.

"E' stata la corsa più tesa della mia vita" ha detto Hamilton che è, a 23 anni, il più giovane campione del mondo della storia. "Nelle ultime curve il mio cuore stava per esplodere". "Quando ho visto Glock correre più lento ho pensato 'Dio mio, non e' possibilé" ha raccontato . Poi l'inglese si congratula con Massa: "Complimenti a Felipe per la vittoria". Dall'altro lato del paddock, il direttore della McLaren, Martin Whitmarsh, sembrava non riuscire a capire cosa stesse accadendo. "Grande corsa, grande corsa..." era l'unica cosa che riusciva a mormorare. I meccanici delle frecce d'argento hanno lasciato da parte la flemma "british" e sono esplosi in una festa all'uscita dei box. 

Il finale da thriller La pioggia negli ultimi giri e il sorpasso Sebastian Vettel su Toro Rosso (con motore Ferrari) ai danni di Hamilton, a tre giri dalla fine, avevano ribaltato la situazione a favore di Massa. La pioggia e i cambi gomme avevano sconvolto tutte le strategie e certezze. A un giro dalla fine sembrava fatta con Hamilton solo sesto e Massa già in trionfo sul traguardo. Ma la Toyota del tedesco Timo Glock alla fine ha "ceduto", il pilota, mentre tutti seguivano il duello decisivo tra Vettel e Hamilton, si è fatto infilare sia da Hamilton che da Vettel.