Heathrow, il nuovo terminal non decolla

Secondo giorno di passione per il nuovo terminal dell'aeroporto londinese: cancellati il 20 per cento dei voli previsti in partenza. La struttura è costata circa 56
miliardi di euro

Londra - La British Airways ha cancellato oggi il 20 per cento dei voli previsti in partenza dal nuovo terminal 5 di Heathrow a causa del caos verificatosi ieri alll’apertura del terminal. Caos che è proseguito anche oggi: numerosi i viaggiatori sono rimasti a terra per nuove cancellazioni e ritardi dei voli o dei bagagli andati persi.

Secondo giorno di passione Il portavoce della compagnia aerea britannica ha spiegato che i voli cancellati questa mattina sono voli domestici o a breve raggio. Regolari, invece, tutti i voli a lungo raggio in partenza dall’aeroporto londinese. Intanto la British Airways, che dispone dell’intero terminal, si è scusata per i disagi causati ai viaggiatori. "Abbiamo deluso moltissime persone e porgiamo le nostre più sincere scuse ai viaggiatori", ha affermato il direttore generale di Ba, Willie Walsh, imputando il caos di ieri "a una combinazione di fattori", in particolare dovuti a ritardi al parking del personale e problemi di sicurezza e di registrazione per gli addetti ai bagagli.

Inaugurazione disastrosa Ieri, 34 voli della British Airways in partenza dal terminal 5 erano stati cancellati, mentre una serie di problemi che avevano colpito il sistema di smistamento bagagli hanno impedito di caricare le stive dei velivoli, che sono partiti con a bordo i soli passeggeri. Alcuni viaggiatori sono, invece, rimasti a terra a causa della cancellazione del proprio volo e hanno passato la notte all’interno del nuovo terminal, costato 4,3 miliardi di sterline, pari a 56 miliardi di euro. Il Dipartimento dei Trasporti, si legge in un comunicato, spera che la British Airways e la Baa, una delle maggiori società di gestione aeroportuale britanniche, al più presto "collaborino e lavorino insieme per risolvere i problemi e limitare i disagi ai passeggeri".