Herat, attacco agli italiani "Il capitano dei 5 feriti ieri ora è in pericolo di vita"

<p>
Si aggravano le condizioni del militare. Il ministro La Russa riferendo alla Camera: &quot;I pericoli non diminuiranno&quot;
</p>

Roma - "Purtroppo devo informarvi che le condizioni di uno dei militari italiani", feriti nel corso dell’attacco di ieri alla base italiana ad Herat, "si son ulteriormente aggravate durante la notte ed è ancora seriamente in pericolo di vita". Lo ha riferito il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, durante un’informativa urgente resa alla Camera. La Russa, aggiungendo che "se ne sta organizzando il rientro in Italia". Le condizioni degli altri quattro feriti non sono gravi. 

L'attacco Il ministro ha riferito dell'attacco contro la sede del Provincial Reconstruction Team di Herat, che è stato preceduto da quattro esplosioni in zone diverse della provincia. Azioni di distrazione, quelle dei talebani. "Sulla base delle informazioni in nostro possesso in questo momento", ha spiegato il ministro nell’Aula di Montecitorio, "e che dovranno essere confermate dall’inchiesta tecnica in atto, l’attacco alla base italiana era stato preceduto dall’esplosione di una motobomba presso l’ospedale civile di Herat, forse con scopi diversivi". Altre tre esplosioni, ha aggiunto il ministro, si sono verificate "nell’area nella quale si erano asserragliati gli insorti, sita a circa 100 metri a est dell’ingresso principale del PRT". 

I pericoli non diminuiranno Per i militari italiani in missione in Afghanistan "i pericoli non diminuiranno con l’avvicinarsi dell’obiettivo", che è quello di riconsegnare il Paese alla responsabilità degli afghani: "anzi, sono sempre in agguato disperati colpi di coda del terrorismo", ha poi detto Ignazio La Russa. Secondo il ministro, dunque, "non è possibile escludere che in futuro si possano verificare eventi similari" a quello di ieri, che nell’attuale situazione potrebbero invece verificarsi in ogni momento. Si tratta dunque di una situazione in cui il pericolo è sempre presente, ma che "i militari italiani e le forze di sicurezza afghane da loro addestrate sono in grado di fronteggiare con efficacia e professionalita".