Hezbollah Accuse a Israele «I sionisti dietro gli attentati»

Il movimento sciita Hezbollah accusa Israele per «il crimine terrorista» che ha preso di mira una chiesa di Bagdad, mentre il presidente del Parlamento libanese, lo sciita Nabih Berri, afferma che «le mani del male» hanno agito per «distruggere l’immagine di civiltà» data dal recente sinodo dei vescovi in Vaticano dedicato al Medio Oriente. «Le impronte dei sionisti sono chiare in questo crimine», si legge in un comunicato in cui si sostiene anche che «l’occupazione americana» fomenta la tensione interreligiosa in Irak.