Hina, sgozzata per aver scelto un uomo italiano

E di nuovo viene in mente Hina, la ventenne pachistana uccisa l’undici agosto a Sarezzo dal padre. Non andava bene quel suo comportamento ribelle, non andava bene quel fidanzato italiano, non andava bene quell’idea di voler convivere con lui incurante delle sue radici islamiche e asiatiche. E non andava bene quel suo rifiuto del matrimonio combinato per lei con un lontano parente. Proprio come la donna indiana che si è uccisa Modena perché non voleva lasciare l’Italia e ricomincare la vita con un uomo che lei non aveva scelto. Hina aveva nel padre il nemico, lei invece si è vista schiacciata da tutto il mondo da cui proveniva. Hina ha trovato chi si è arrogato di fare giustizia ritenendo di essere nel giusto, pensando che era la figlia ad aver sbagliato strada e non lui padre integralista e immobile in un mondo che cambia.