«Ho festeggiato con un bel piatto di tagliatelle»

Bentornata Arisa.
«Ho festeggiato il mio ritorno al Festival con un bel piatto di tagliatelle alle melanzane. Le ho cucinate io, eh, sto diventando un’ottima cuoca».
La sua canzone?
«Si intitola “Malamorenò” tutto attaccato e con l’accento sulla o».
Di che cosa parla?
«È un testo importante: voglio dire che tutto può finire ma l’amore no. È una canzone ambientata nel futuro, ma le parole sono come quelle che uso io».
Ossia?
«Semplici, tutti le possono capire».
Tutti si aspettano da lei una conferma.
«E difatti il Festival per me questa volta è molto più agitante».
Agitante?
«Sì. L’anno scorso non sapevo che cosa attendermi. Quando si scrive su di una pagina bianca, è tutto nuovo. Ma se ci sono già tante frasi, allora tutto diventa più difficile vero?».