«Ho invitato io il premier nessuna domanda è tabù»

«Gli chiederò di tutto, anche delle intercettazioni se ne usciranno di nuove»

da Milano

Direttore Mentana, tutto pronto tranne una cosa: diretta o registrata?
«Ancora non si sa. Ma francamente non è la questione che in questo momento mi attanaglia di più...».
Teso? Ha detto che sarà un esame per l’intervistato, ma anche per l’intervistatore...
«È inevitabile. Perché come è ovvio con un’intervista di questo genere tutti riterranno di poter misurare anche il grado di affidabilità dell’intervistatore. Come diceva Manzoni, vergin di servo encomio e di codardo oltraggio...»
Durata?
«Io penso un’ora e mezzo. La giustizia sarà il tema più atteso e da quello partiremo, come è ovvio. Sarà una trasmissione difficile, le aspettative del pubblico saranno forti».
E di che altro parlerete?
«Proveremo a fare anche un bilancio dei primi giorni di governo. Sarà un’intervista a tutto campo. A me sta il compito di fare le domande... E spero che il premier voglia rispondere, come ha detto di voler fare...».
Anche sulle intercettazioni, se ne uscissero di nuove?
«Assolutamente sì, penso che sarei sospeso dall’Ordine dei giornalisti se non domandassi anche di quello. Le domande saranno su tutti i temi politici che fanno notizia, e le intercettazioni lo sono sicuramente, anche quelle che dovessero uscire. Sono le regole del gioco giornalistico, e Berlusconi le conosce».
Come è nata l’intervista?
«Nel modo più normale, gli ho telefonato e gliel’ho chiesto. Siccome molti consigliavano a Berlusconi di parlare direttamente in televisione, e visto che io ho il programma aperto, ho provato, pensando che avrebbe avuto anche lui interesse a parlare. E così infatti è stato».
Il Pd ha chiesto alla Rai di fare una controprogrammazione forte «per evitare che la scelta del premier di privilegiare le sue reti penalizzi il servizio pubblico».
«Secondo me sarebbe più naturale che la Rai facesse una controprogrammazione forte a Mediaset sempre. Dovrebbe essere la norma, in un sistema normale, no? Poi facciano come vogliono...».
Ci sarà qualche altro ospite o solo voi due?
«Solo io e lui».
È un ritorno. L’ultima volta di Berlusconi in tv è stato proprio da Matrix.
«Sì, subito prima delle elezioni, poi non è stato in nessun altro programma. Quella volta finì in modo un po’ rocambolesco...»
Con Berlusconi che rientrò in studio e lei chiuse la diretta...
«Il fatto che torni in tv dopo mesi di assenza lascia immaginare l’attesa che può esserci... Ma la garanzia della diretta è proprio questa: che parleremo di tutte le notizie, anche dell’ultima ora».
Potrebbe bissare il record di share dell’ultima volta.
«Ecco, quella è l’unica cosa certa: sarà un programma destinato ad avere un buon ascolto».