Hockey a rotelle, lavori in corso per due palazzetti

Francesco Rizzo

Si chiama hockey in line, ovvero hockey con pattini a rotelle in linea, ma le due squadre cittadine di serie A1, i Rams e il Milano 24 Quanta, cercano anche di essere «in linea» con i tempi. Lo sport milanese extra-calcio lamenta (giustamente) problemi di impianti e allora, da queste parti, si cercano soluzioni. Ottenuto in gestione dal Comune il campo Kennedy di via Olivieri, i Rams, tramite un gruppo di soci, progettano di costruirvi un palazzetto (tutto è pronto, dicono in società, ma un ricorso sta bloccando i lavori): «Investiremo un milione di euro, metà dei quali per il nuovo impianto - spiega il presidente Cristiano Traverso -, non è il business della vita, ma intendiamo creare un centro polisportivo che poi si sostenga con le sue attività». L’obiettivo è farcela per il 2007, lasciando l’«esilio» di Biassono. Intanto, il Milano 24 - all’interno di quella che è già la sua sede, lo Sportvillage 24 di via Assietta - trasformerà la pista di gioco con una spesa fra i 700 e gli 800mila euro, facendone una struttura polifunzionale per 800 persone.
Passi verso il futuro di uno sport giovane, evoluzione di quell’hockey su pista che aveva in Monza un santuario, ma in realtà alternativa - con regole che lo rendono meno duro - alla versione su ghiaccio, da cui provengono diversi giocatori. Si indossano casco e protezioni e ci si contende un dischetto munito di microsfere, pattinando su vari tipi di superficie, da speciali piastrelle al parquet, fino al cemento. E con 250-300 euro si veste un ragazzino che voglia provare a giocare: il prestito o lo scambio di materiale usato consentono di fare i primi passi, rimandando gli acquisti. Sia i Rams (www.hcm17.it, tel. 329/2145622) sia il Milano 24 (hcm24@24sportvillage.it, tel. 026621611) svolgono attività giovanile, con un vivaio di 60-70 ragazzi e squadre miste nei primi anni. E poi c’è il livello senior: al via l’11-12 novembre con la coppa Italia.
Fondati nel 1996 dal velista Italo Rota, dal 2001 i Rams hanno vinto due scudetti juniores e una coppa Italia e hanno alcuni atleti nel giro della nazionale. «Schieriamo una squadra giovane e fatta in casa - dice coach Massimo Zagni -, nelle ultime stagioni siamo sempre andati ai playoff. Intanto la juniores si fa le ossa in A2». Una decina di anni fa, invece, il Milano 24 rappresentava la città nell’hockey ghiaccio. Poi l’uscita di scena, la scommessa sull’in line, lo scudetto e la coppa Italia 1999. «Quest’anno siamo neopromossi - racconta Riccardo Tessari, giocatore con trascorsi sul ghiaccio -, ma vorremmo arrivare in semifinale. L’hockey in line è un movimento in crescita: noi facciamo anche avviamento al pattinaggio e promozione nelle scuole, con programmi di quattro mesi. Il derby? È “caldo” persino nelle giovanili...». E in A1 dovrà esserlo senz’altro: per le milanesi, inserite nel girone con Asiago campione d’Europa, Latina, Empoli e Trieste, il campionato scatta in pieno inverno, il 13-14 gennaio. E al primo turno sarà subito stracittadina...