«La holding? Un altro trucco È già pronto il ricorso al Tar»

De Nicola: «Così scavalca il parlamento provinciale» Dapei: «Delibera truffa»

«Contro il trucco di Penati è già pronto il ricorso al Tar». Giovanni De Nicola, consigliere provinciale di Alleanza nazionale, presenta il conto dopo la «notte ad alta tensione» che ha portato all’approvazione della delibera Asam. «Una delibera farlocca» denuncia Bruno Dapei, capogruppo di Forza Italia a Palazzo Isimbardi. Dopo la proposta di «baratto» (il ritiro dei 3mila emendamenti contro un posto nel Cda della nuova holding per la mobilità) rifiutata dalla minoranza, per varare la nuova «cassaforte» Asam la giunta ha usato la strada del maxiemendamento alla delibera della Cdl, su proposta dal leader di Rifondazione Antonello Patta.
«Sarà il terzo schiaffo per Penati - aggiunge De Nicola -. Il primo il Tar lo ha già dato bocciando il provvedimento sul trasporto pubblico. Il secondo arriverà sull’acquisto del pacchetto Gavio in Serravalle, il terzo scacco arriverà sulla questione del metodo di approvazione di questa delibera. Il trucco c’è, e si vede». Di «artifizio illegittimo» parla anche Paola Frassinetti, capogruppo di An a Palazzo Isimbardi. «Questo maxiemendamento - spiega - è la testimonianza della pessima gestione della maggioranza dell’affaire Serravalle. Non è possibile scavalcare sistematicamente il consiglio provinciale».
Commenti soddisfatti per la ritrovata centralità dell’aula da parte della maggioranza di centrosinistra. «Grazie a questo emendamento - dice Vincenzo Ortolina (Margherita), presidente del consiglio - si tende a salvaguardare il ruolo di indirizzo del consiglio su tutte le società partecipate dalla Provincia: da oggi giocherà sempre un ruolo di primo piano nelle scelte della giunta».