Con Holmo-Finsoe anche Unipol diventa più «corta»

da Milano

Si accorcia la catena di controllo del gruppo Unipol: i cda di Holmo e Finsoe hanno deliberato la fusione tra le due società dopo che il primo settembre Holmo ha acquistato il 5,4% di Finsoe in mano a Hopa arrivando a detenere l’80,9% della società cui fa capo il 50,75% di Unipol gruppo finanziario. L’esecuzione dell’operazione è attesa entro fine anno. La catena di controllo di Unipol prima dell’operazione vede Holmo, partecipata da un gruppo di cooperative, controllare Finsoe che annoverava tra i suoi azionisti il Montepaschi, Hopa e investitori come Bnp Paribas, Jp Morgan e il gruppo assicurativo belga P&v. A fine giugno, nell’ambito dell’allontanamento tra Unipol e Mps, Holmo e Finsoe hanno rilevato il 13% di Finsoe ancora in mano a Siena, operazione che ha portato Finsoe a possedere azioni proprie per l’8,7% del capitale. Maggiori azionisti della nuova Finsoe sono destinate a diventare le cooperative fino ad ora principali azioniste di Holmo: Adriatica, Nord Est, Estense, Unicoop, Liguria, tutte con partecipazioni pre-incorporazione superiori al 7%. L’operazione - spiega una nota congiunta Holmo-Finsoe - consentirà di perseguire l’obiettivo di meglio supportare i programmi di crescita di Unipol e di migliorare la redditività del proprio capitale».