Hopa di fronte ai soci per l’ok al nuovo corso

da Milano

Hopa chiama a raccolta i soci oggi

pomeriggio in un hotel a Brescia. All'ordine del giorno solo il rinnovo del consiglio di amministrazione, perché l'approvazione del bilancio è stata rinviata a data da destinarsi fra maggio e giugno, in attesa che si chiuda il dossier Olimpia. Gli advisor sono ancora al lavoro per definire il prezzo dell'eventuale cash settlement per regolare la scissione di Holinvest e l'uscita di Hopa da Olimpia e il tema, anche se non in agenda, potrebbe essere sollevato dai soci nel corso dell'assemblea. Il rinnovo delle cariche sociali potrebbe portare all'uscita di Giorgio Cirla, che ha rassegnato le dimissioni da amministratore delegato di Interbanca e di Marco Giordani che, rimasto in cda a titolo personale, in occasione dell'uscita di Fininvest e Mediaset dal capitale aveva detto che avrebbe portato a naturale scadenza il suo mandato. È attesa invece una riconferma degli altri consiglieri, a partire da Stefano Bellaveglia, al quale ci si attende venga offerta la presidenza. «Non dipende da me ma dagli azionisti», aveva detto la settimana scorsa Bellaveglia, pur manifestando la propria disponibilità. Secondo indiscrezioni di stampa potrebbe anche assumere la carica di «presidente con deleghe operative». Da valutare il destino di Romano Marniga, amministratore delegato storico, fin dai primi passi di Emilio Gnutti, e come tale considerato collegato ancora al vecchio corso di Via Zanardelli, rispetto al quale la nuova gestione dovrebbe dare un forte segnale di discontinuità. Quello che da tempo chiedono le banche azioniste della holding bresciana per decidere cosa fare della loro partecipazione. «Vedremo come si evolverà la situazione e soprattutto quale sarà la missione di Hopa e la sua struttura societaria», aveva detto Divo Gronchi, ad di Bpi, socio con il 5,4%, in occasione della presentazione del piano triennale: e a quel punto «decideremo se mantenere la nostra quota». Sulla stessa linea sarebbero anche Antonveneta (7,13%) e Unipol (7,13%).