Hopkins, noia e paranoia nel deserto del Mojave

Per nulla buonista, Anthony Hopkins dice: «La vita è caos». Lui a Hollywood si sente come Gulliver a Lilliput, perciò vuol mostrare dove conduca adeguarsi all’idiozia, perché è di massa. Ma la sua Slipstream («Scia») - passata per il Festival di Locarno - si seguirebbe se il tocco fosse come quello di Peter Sellers. Invece modello di Hopkins è Dennis Hopper e, per farlo capire, ha girato Slipstream nel deserto di Mojave, dove Hopper girò un film dimenticatissimo. Trama? La follia di uno sceneggiatore che incontra i suoi personaggi. Privo degli attivi dello sceneggiatore, lo spettatore resti immune anche dai passivi.
SLIPSTREAM di e con Anthony Hopkins (Usa, 2007), con Christian Slater, Stella Arroyave. 80 minuti