Horror & dintorni

Il genere horror spesso riesce a figurare nelle classifiche dei film più visti. I giovani amano tutto ciò che riguarda questo particolare genere cinematografico ma, in mezzo a tanta offerta, è sempre George A. Romero a fare la differenza. Nel suo ultimo La terra dei morti viventi, il vecchio maestro mostra agli aspiranti «allievi» come deve essere realizzata una pellicola di zombi, oltretutto rivedendo alcuni cardini standard come quello che vuole i non morti privi di forme di ragionamento. Al di là del valore artistico del film, un «must» per gli appassionati del settore, anche gli extra, numericamente rilevanti, offrono un valore aggiunto al titolo. In particolare, va segnalata la sezione che mostra le lavorazioni di trucco necessarie per creare gli zombi perfetti. Si tratta di una featurette che va di pari passo con lo special sulla giornata tipo (davvero intensa) degli addetti ai lavori. Il commento audio di Romero, poi, si trasforma in una vera lezione di cinema che i più appassionati non mancheranno di apprezzare mentre divertente è l’incontro tra Romero e gli autori (hanno anche un cammeo nella pellicola) dell’apprezzato Shaun of the dead, alias quel L’alba dei morti dementi che fa chiaramente il verso al blockbuster del regista.