Horror e nonsense per l’imbambolato Cage

IL PRESCELTO
Il depresso poliziotto Edward Malus riceve l’esseoesse di un’antica fidanzata: mia figlia è scomparsa. Si fionda così in un’isola sperduta, dove il tempo è fermo da secoli e gli indigeni sono particolarmente inospitali. Il segugio scoprirà che dietro l’imminente festa si nasconde un terribile segreto. Un film intinto nell’horror, e ancor più nel nonsense, con una tensione inesistente. L’imbambolato Nicolas Cage è al suo consueto livello: penoso.