Howe fila nei 200 L’uragano Rosa è quasi da record

da Padova

Andrew Howe corre come fosse solo e chiude i 200 metri in 20“53, niente male per uno che aveva solo intenzione di allenarsi: ha lottato con un vento contrario di oltre due metri (unico vero avversario) e, alla mattina, aveva corso altrettanto disinvoltamente in 20“ 80. Troppo indietro Galvan (21“25) e Cavallaro (21“29). Dopo l’8,40 nel lungo, Howe ha chiuso il conto in attivo. «Mi sono divertito nei 200. Anche se ad Osaka non li correrò. Magari serviranno per l’anno prossimo».
Chiara Rosa, l’uragano rosa della nostra atletica, ancora una volta ha sfiorato il suo record italiano di getto del peso: due lanci (19,13 il primo e 19,09 l’ultimo) che sono andati a carezzare il 19,15 ottenuto in giugno all’Arena di Milano. Seconda la Legnante (m.18,78). Rosa e Howe hanno elettrizzato l’ultima giornata degli assoluti di atletica. Poco altro nel resto: Barberi al settimo titolo sui 400 m.(45“79), Campioli primo nell’alto con m. 2,26, successo di Sciandra negli 800 m.(2°Longo), Nicola Vizzoni ha vinto il martello(m.77,98) ma non andrà ai mondiali di Osaka (il limite era m.78,50).