Hub Leonardo alle Stelline: mostra e padiglioni per Expo

Prende il via dal 27 maggio al 31 ottobre il progetto di Fondazione Stelline per promuovere e valorizzare i luoghi vinciani a Milano e in Lombardia. Nel Chiostro della Magnolia l'installazione multimediale interattiva "Inside The Last Supper", laboratori per ragazzi, bookshop, ristoro e caffetteria. Infopoint "leonardesco" in piazza Santa Maria delle Grazie

Il New York Times scrive che Leonardo sarà "l'eroe di Expo" e un fatto è certo: sarà un grande protagonista della Milano che per sei mesi accoglierà il mondo perché è in città e in altri luoghi della Lombardia. E se la mostra su Leonardo a Palazzo Reale lascerà il segno, lo farà anche un'altra iniziativa che parte da Expo ma si svilupperà per tre anni. E' Hub Leonardo: il Genio alle Stelline, progetto e iniziative che partono per Expo - dal 27 maggio al 31 ottobre - ma guardano al futuro, che "rivoluzionerà la Fondazione Stelline facendola diventare centro culturale e polo informativo sulla vita, le opere e l'arte del genio universale, perché rappresenta la prima tappa concreta che abbiamo voluto intraprendere per dare una nuova identità alla Fondazione Stelline - spiega il presidente PierCarla Delpiano - esaltando e facendo conoscere le enormi potenzialità storico-artistiche che fanno della zona Magenta un sito unico, da valorizzare e mettere sotto i riflettori mondiali di Expo e dei suoi visitatori, ma anche di chi arriverà a Milano dopo Expo".

Considerazione sui visitatori che si declina nell'opportunità di unire la visita a L'Ultima Cena nel refettorio di Santa Maria delle Grazie a quella dell'Hub Stelline che offrirà opportunità di approfondimento e conoscenza, anche per i più piccoli, oltre a servizi per i turisti che fino ad oggi mancavano. Un salto qualità importante, visto che tutto è a pochi passi dal capolavoro del genio di Vinci. Il progetto infatti, partito con la firma del protocollo di intesa tra Regione Lombardia, Fondazione Stelline e Soprintendenza di Milano,punta all'istituzione di "un avamposto informativo che consenta un approfondimento culturale, di conoscenza e di promozione del patrimonio leonardesco sul territorio milanese e lombardo con installazioni architettoniche che riqualificheranno l'edificio di corso Magenta".

Il percorso leonardesco è davvero unico, se si pensa a quello che è concentrato nel raggio di due chilomentri della città, completato dalle ricostruzioni storiche del Museo della Scienza e della Tecnica e dall'eccezionale presenza di una parte della vigna regalata a Leonardo da Lodovico il Moro che è il giardino tra la Casa degli Atellani e Palazzo delle Stelline.

Il progetto di riqualificazione del Palazzo delle Stelline e dei padiglioni polifunzionali, realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo, interessa l'architettura dei padiglioni, ispirata interamente ai celebri studi sulla geometria del Genio disegnati nel libro De Divina proportione, di cui richiameranno le forme. Un padiglione installato nel Chiostro della Magnolia sarà dedicato a attività di ristoro e caffetteria, un secondo padiglione ospiterà un bookshop e il terzo sarà dedicato a laboratori e attività didattiche per ragazzi, sempre nel segno della conoscenza storico artistica di Leonardo.

Nel chiostro si potrà vedere Inside The Last Supper. Your experience with Leonardo da Vinci, un affresco multimediale ideato da Studio Azzurro grazie al quale si potrà vivere, comprendere e commentare il capolavoro rinascimentale. E' una visione senza vincoli, un'esperienza in prima persona con diversi livelli di approfondimento: il primo è un racconto in stile cinematografico, il secondo dà accesso a postazioni interattive. Esperienza emozionante che è ideale fare prima della visita all'Ultima Cena nel Refettorio. Non solo. Fra le novità, anche il Leonardo InfoPoint in piazza di Santa Marie delle Grazie, con dispositivi multimediali e personale che fornirà informazioni sulle mostre, le attività, i percorsi legati a da Vinci a Milano e in Lombardia. Qui si potrà anche acquistare la card annuale che permetterà di accedere a tutti i principali musei e siti culturali di Milano e della Lombardia Abbonamenti Musei Lombardia Milano.

"Leonardo sarà il personaggio che renderà tutto il territorio regionale, non solo quello identificato dai padiglioni delle Stelline, sito espositivo - ha detto l'assessore alle Culture di Regione Lombardia Cristina Cappellini -. "Grazie a questo prezioso progetto che dall'Hub creato nel cuore di Milano, si diramerà in tutta la regione, faremo conoscere, con la Fondazione Stelline tutte le tracce lasciate da Leonardo da Vinci a Milano e in tanti luoghi della Lombardia". "Per questo - ha aggiunto - abbiamo chiesto ai territori interessati dal Genio di Leonardo di segnalarci le tracce rimaste nei loro luoghi.Tanti Comuni hanno risposto, con progetti che fanno perno sulla multimedialità e molti altri saranno i soggetti coinvolti in questa avventura in itinere. Il Cenacolo Vinciano è stato anche tra i protagonisti del video sui siti Unesco della Lombardia, realizzato dalla Regione con la collaborazione del Centro Sperimentale di Cinematografia di Milano, che presenteremo a inizio Expo in tutti i territori interessati".

E ad aderire subito al progetto è stato il Comune di Vigevano. Città di Leonardo, da tempo impegnata a valorizzare il suo patrimonio legato a Leonardo e agli Sforza, che ha visto il grande successo della mostra Dentro L’Ultima Cena: il tredicesimo testimone organizzata fra ottobre 2010 a giugno 2011 assieme ad altri eventi che ha richiamato 250mila visitatori. "E’ motivo di orgoglio - ha detto il sindaco Andrea Sala - che Fondazione Stelline abbia scelto come suo evento durante l’Esposizione la nostra mostra Dentro L’Ultima Cena ponendola così di fronte all’opera originaria di Leonardo. Questa scelta è ancora una volta la conferma di quella affinità, di comune sentire e di scambi artistici, che fin dall’epoca sforzesca ha unito Vigevano e Milano".

"La nostra Fondazione – ha sottolineato Sergio Urbani, segretario generale di Fondazione Cariplo -­‐ ha deciso di sostenere questa importante iniziativa che si colloca coerentemente all’interno di una serie di progetti dedicati al genio di Leonardo da Vinci che vedranno la luce in concomitanza con Expo; attività promosse dalle più prestigiose istituzioni culturali milanesi per valorizzare l’immenso patrimonio storico, artistico e architettonico del territorio. Giusto ricordare la missione filantropica della nostra fondazione che va vista come un moderno mecenate, impegnato da sempre sul fronte della cultura, sostenendo, dal 1991 ad oggi, oltre 10mila progetti con circa 800 milioni di euro, in questo settore. Un impegno poderoso imperniato su due concetti fondamentali legati all’arte e alla cultura: queste infatti possono rappresentare, una leva fortissima per l’economia del nostro Paese, fornendo anche occupazione e un potente strumento di coesione sociale: dove ci sono momenti di cultura, le persone crescono, si accrescono e hanno occasioni di dialogo e per stare insieme arricchendosi".