Hyundai Tucson è più potente Anche con filtro antiparticolato

da Gavi (Alessandria)

Chi li ferma più? I coreani sfornano in continuazione nuovi modelli di vetture paragonabili ormai per qualità e stile ai migliori prodotti europei. E presto, entro il 2006, nel nostro continente cominceranno a fabbricarle. Hyundai e la controllata Kia offrono tra l’altro, un felice esempio di come si possano conciliare nell’ambito dello stesso gruppo la collaborazione e la competizione. Si prenda il caso del nuovo motore turbodiesel common rail 2.0 da 140 cavalli con turbo a geometria variabile: oltreché sulle Kia Sportage e Carens, viene montato ora sulla Hyundai Tucson. Le economie di scala sono assicurate. Poi chi avrà più fiato per correre, tra questi modelli per molti versi rivali tra loro, correrà. Certo, di buoni argomenti ne offre molti il Tucson. Non a caso in Italia è già stato scelto in un anno e mezzo di commercializzazione da 12mila clienti e con oltre 8mila immatricolazioni nel 2005 ha conquistato la terza posizione assoluta nella graduatoria delle vendite di Suv. «Tucson ha permesso di avvicinare al nostro marchio una nuova fascia di clienti, più giovani e dinamici - spiegano alla Hyundai Italia - ormai i Suv sono delle vetture polifunzionali: il nostro modello, spazioso ma al tempo stesso di dimensioni compatte, viene visto come alternativa a molte classiche vetture medie, berline o wagon che siano». Il Tucson CRDi da 140 cv affianca in gamma la meno potente variante da 112 cv e le versioni equipaggiate con i benzina 2.0 16V da 142 cv e 2.7 V6 da 175. Abbinato in esclusiva a un nuovo cambio manuale a 6 rapporti, il propulsore dispone dell’esuberante coppia massima di 305 Nm a 2mila giri che risulta particolarmente utile nelle accelerazioni e nelle riprese. Ma anche la velocità massima di 177 orari è di tutto rispetto. E insieme con la garanzia di 3 anni a chilometraggio illimitato, il consumo medio di 7,1 litri ogni 100 chilometri contribuisce a tenere bassi i costi di gestione. La trazione è integrale del tipo «Torque On Demand».
Questa e altre qualità meccaniche fanno del Tucson un mezzo capace di destreggiarsi agevolmente sia sull’asfalto sia su fondi a bassa aderenza. La nuova versione viene proposta in due livelli di allestimento, con una dotazione di serie molto ricca. L’Active comprende già il controllo elettronico di trazione e stabilità, 6 Airbag, il climatizzatore manuale, i cerchi in lega da 16 pollici, il sintolettore cd/mp3, i vetri oscurati e l'antifurto con telecomando.
Al top di gamma, con l’allestimento Dynamic si aggiungono l’interno rivestito in pelle, le ruote maggiorate, le modanature laterali e il climatizzatore automatico. I prezzi vanno da 26.990 a 28.790 euro. Sono 2mila euro in più, a parità di allestimento, rispetto alla versione da 112 cv. Ma i contenuti sono decisamente superiori: c’è anche il filtro antiparticolato che consente di circolare quasi ovunque, in caso di blocchi del traffico.