I 40 anni di Corto Maltese, marinaio a fumetti

Un uomo misterioso, solitario e affascinante. Pantaloni bianchi, cappello da marinaio, orecchino e basettoni. Quell’aria un po’ così, indifferente e malinconica, di chi ne ha vissute tante. Quarant’anni fa dalla fantasia di Hugo Pratt nasceva Corto Maltese, uno dei personaggi più noti del fumetto italiano. E per celebrarne il compleanno, arriva da domani a Firenze la mostra «Corto Maltese letteratura disegnata 1967/2007». L’esposizione è un omaggio al marinaio più famoso delle pagine disegnate, ma soprattutto a chi lo ha creato. Un percorso attraverso le creazioni di Hugo Pratt, maestro del fumetto d’autore, fra le tavole e gli acquerelli che ritraggono il suo personaggio. La mostra sarà aperta fino al 31 agosto, al Forte Belvedere di Firenze ed è curata dal giornalista Vincenzo Mollica e da Patrizia Zanotti, colorista e assistente di Hugo Pratt, che con lei ha fondato la casa editrice Lizzard.
Per gli appassionati, è l’occasione per un viaggio nella storia di Corto Maltese, eroe romantico, gentiluomo dal sorriso triste. Pratt svela il suo mondo magico fatto di citazioni letterarie e divertimento, documentazione storica e spontanea invenzione. In mostra c’è l’esotismo, l’ironia, l’avventura. Letteratura e mare, amicizie, donne, addii e ritorni. Nostalgie tante, sogni ancora di più. Sogni colorati. Disegni che creano un mondo, ormai inconfondibile. A quarant’anni da Una ballata del mare salato, la prima volta di Corto Maltese.