I 500 milioni servono per spese sociali

Mantenimento delle spese sociali, decentramento, case popolari dell’Ater e rispetto degli impegni già presi in attesa delle linee che verranno tracciate dall’assestamento di bilancio. Così verranno impiegati i 500 milioni di euro che fanno parte delle misure per Roma Capitale che l’altra notte le commissioni Bilancio e Finanze della Camera dei deputati hanno approvato. Fondi che serviranno a superare la crisi di liquidità del Campidoglio. A spiegare come verrà impiegata la somma il presidente della commissione bilancio del Comune di Roma Federico Guidi, che nel pomeriggio di ieri, poco prima dell’inizio della seduta del consiglio comunale, ha indicato alcune priorità dell’amministrazione. «I 500 milioni di euro - ha sottolineato Guidi - verranno utilizzati, in parte, per il mantenimento delle spese sociali, questa è la priorità vera. Poi la somma verrà ripartita a seconda delle necessità dell’amministrazione». Di certo, «500mila euro sono stati già impiegati per l’Ater, per pagare le spese di manutenzione e di funzionamento degli ascensori. Una parte servirà per il decentramento quindi andrà ai municipi e cioè alla macchina amministrativa». Il resto si deciderà a settembre quando ci sarà l’assestamento di bilancio. «Non sappiamo ancora di preciso come questi soldi saranno spesi - ha continuato Guidi - perché l’assestamento non ci sarà prima di settembre. In questo momento abbiamo una situazione di mancanza di liquidità in cassa quindi serviranno per le spese già impegnate in attesa di capire quali saranno quelle nuove». Alla Camera la sinistra ha tentato di bloccare i fondi. «In commissione bilancio e finanze, l’Italia dei valori e il Pd, hanno presentato emendamenti per eliminare le misure per Roma capitale contestando la tesi che la città sia in dissesto e che ci sia bisogno di misure straordinarie. Spudoratamente hanno tentato di guadagnare i consensi della Lega polemizzando sul trattamento di favore di cui godrebbe Roma rispetto alle altre citta». Lo afferma Marco Marsilio, deputato del Pdl-An e membro della Commissione Bilancio, in merito al decreto legge che anticipa la finanziaria 2009 e attualmente all’esame in Commissione. «La sinistra, che per anni ha accusato il Pdl per l’alleanza con la Lega, ha dimostrato l’altra notte - ha aggiunto - chi sono i veri nemici della capitale».