I bambini mandano a canestro la solidarietà

Maria Vittoria Cascino

da Sestri Levante

Non solo sport nella quattordicesima edizione del Torneo nazionale Minibasket «Baia delel Favole-Trofeo città dei Ragazzi» in calendario tra oggi e martedì nella palestra di via Lombardia di Sestri Levante. Perché è vero che otto squadre di ragazzini provenienti da Bologna, Milano, Livorno, La Spezia, Savona e Genova si affronteranno a partire dalle 14 di oggi pomeriggio. E cercheranno di vincere. Ma la storia è un'altra. È quella messa in piedi dal Centro Basket Sestri Levante e Unicef perché sport, solidarietà, gioco e aggregazione, diventino i punti di partenza del confronto. È così che l'evento, patrocinato da Regione, Provincia, Comune, Apt e Fip porterà a Sestri 150 ragazzi tra gli otto e i dieci anni. «Un appuntamento costruito anno dopo anno con Unicef - insiste Giacomo Conti, presidente Centro Basket - e che è ormai tradizione». Tant'è che quest'anno il torneo è collegato alla campagna che Unicef porta avanti per i «bambini invisibili», quelli mai iscritti all'anagrafe.
«Una proposta azzeccata per i ragazzi perché non mette l'agonismo al primo posto - aggiunge il sindaco Andrea Lavarello -. Poi c'è l'occasione interessante dal punto di vista turistico visto che l'evento muove sulla città almeno 500 persone e diventa un momento di promozione del territorio». Due gli eventi a corollario previsti per lunedì 24: alle 11.15 lo scenografico lancio dei palloncini Unicef, con i bigliettini scritti da bambini e alle 19.30 l'incontro con Maurizio Cremonini, Tecnico Federale Nazionale Minibasket, sul tema «La capacità di gioco», appuntamento rivolto agli istruttori di Minibasket per fare informazione e formazione. Ma il torneo diventa pretesto per il Centro Basket, a 30 anni dalla nascita, di rilanciare il minibasket sul territorio, di passare il messaggio di uno sport-gioco che risponde alle esigenze di crescita del bambino.