I baristi della movida: "Etilometri introvabili"

Via all’obbligo dei kit anti-alcol nei locali notturni della città. Una
ventina di controlli dei vigili ma nessuna multa. Molti gestori però non
si sono ancora messi in regola: "Non sappiamo dove comprarli. In
farmacia sono esauriti"

«Dove devo soffiare? E se il flaconcino cambia colore e diventa giallo?». I ragazzi della movida non si sono tirati indietro e in tanti, tantissimi, hanno provato a utilizzare il kit dell’alcol test. Un po’ per gioco, un po’ per curiosità. Il debutto degli etilometri nei locali è andato benone. Con un unico neo: tanti gestori dei locali ne erano sprovvisti. «Nelle farmacie erano esauriti e noi non sappiamo più dove andare a comprarli. Non sappiamo come fare, così rischiamo la multa, ma tanti farmacisti ci hanno detto di averli venduti già tutti». Eppure, nella prima notte di controlli, nessun barista è incappato in sanzioni. Avrà quindi il tempo per adeguarsi.
«La polizia locale - spiega il vicesindaco Riccardo De Corato - ha controllato una ventina di locali, tra bar, pub e pizzerie. E tutti sono risultati in regola». Essere in regola per i baristi che somministrano alcolici dopo la mezzanotte, significa pure esporre le tabelle alcolemiche. Lo prevede la legge 160 del 2007 sulla sicurezza stradale. «Le tabelle devono essere esposte in un posto visibile ai clienti - spiega Epam, l’associazione milanese dei pubblici esercizi - e devono essere corredate di ogni informazione anche sui sintomi correlati ai vari livelli di assunzione di bevande alcoliche. Le tabelle sono state fornite a tutti i soci interessati».
Oltre ai controlli nei locali, i vigili proseguiranno con i controlli per strada. «I controlli stradali - specifica il vicesindaco - sono stati intensificati nel week end. Nei primi dieci mesi del 2010 sono già 2.226 gli alcol test effettuati». E di questi, 458 sono risultati positivi: in sostanza, circa una persona su cinque è risultata positiva. I veicoli sequestrati ai guidatori ubriachi sono stati in tutto trecento.